Pittore

Piero Lombardi

Piero Lombardi

Pittore

Tendi il tuo arco
e scocca.
Ripara i muri
ed accendi il fuoco.
Lascia tracce lungo la via.


Sito web

Email

Social


Biografia

PIERO LOMBARDI
Piero Lombardi è nato a Pistoia, vive e lavora a Firenze dalla metà degli anni 70. E’ ingegnere ed è stato a
lungo dirigente in una importante azienda fiorentina operante nell’alta tecnologia.
Successivamente e sino a poco tempo fa, ha svolto l’attività di imprenditore e manager in una società di
consulenza di cui era presidente e nella quale si occupava di strategia ed organizzazione d’impresa.
Mentre curava le proprie attività professionali, per diversi anni durante i week end, ha cominciato a
sperimentare, da assoluto autodidatta, materiali, colori e tecniche creando opere astratte dietro l’esigenza
di liberare intime emozioni.
Nella fase iniziale le sue realizzazioni sono state prevalentemente caotiche e gestuali, quasi a rappresentare
spinte emotive impetuose e destrutturate. Successivamente ha cominciato ad eseguire opere maggiormente
equilibrate orientate verso la ricerca delle forme.
In particolare l’esperienza artistica di Piero Lombardi si è avviata con l’energia di un Big Bang che lo ha spinto
a realizzare opere confuse e quasi “esplosive” ed è proseguita con la ricerca di Gesti appena più ordinati con
cui trasferire sulla tela le proprie personali rappresentazioni.
Si è poi dedicato ad una indagine approfondita dei colori attraverso i Cromatismi, ha cercato di capire quali
Materie potessero meglio prestarsi a raffigurare le sue percezioni ed ha cominciato a pensare ad una
immagine complessiva delle opere con il puro guardare delle Cogitationes.
Attraverso lo studio delle Ombre l’artista ha compiuto ulteriori passi verso espressioni maggiormente
figurative, ha proseguito riportando veri e propri messaggi verbali mediante Parole tracciate sul quadro sino
a trovare una diversa modalità di relazione con la tela in cui essa sembra comunicare con l’esterno attraverso
le Protrusioni.
Questo percorso appare, per taluni aspetti, analogo a quello che per molto tempo l’artista ha incontrato nel
suo lavoro, quando aiutava le imprese ad evolversi trasformando strategie ed organizzazioni inespresse e
confuse in progetti formalizzati ed organici.
Tra l’altro, portando avanti le parallele esperienze di affiancamento alle aziende e di realizzazione di pitture,
Piero Lombardi ha potuto constatare che il concepimento e lo sviluppo di una impresa di successo è un’arte
e che la creazione di arte capace di emozionare è un’impresa.
Tornando al percorso artistico, pare di poter dire che esso abbia preso avvio sotto la spinta di una
inquietudine che ha prodotto immagini scomposte, disarticolate e, in qualche modo, “mancanti” che
successivamente si sono sviluppate in figure sempre più definite alla ricerca di una struttura, un disegno,
quasi una finalità in grado di attribuire all’opera maggiore coerenza ed equilibrio.
Per questo motivo Piero Lombardi ha definito “processi sintropici” i meccanismi attraverso i quali si è evoluto
il proprio modo di fare arte richiamando il concetto di sintropia, figura antitetica all’entropia, che spinge le
cose ad evolversi dall’informe al differenziato, dal semplice al complesso e dal disordine all’ordine.
In altre parole l’itinerario artistico sembra essersi sviluppato cercando, in misura sempre più accentuata, di
organizzare i segni sulla tela per andare nella direzione opposta alla legge dell’entropia che, viceversa, tende
alla dissoluzione di strutture e forme.
Forse, tutto ciò, è la modalità con cui inconsciamente l’artista ha cercato e cerca di contrastare l’incedere del
tempo che è l’espressione più evidente ai nostri occhi dell’avanzare irreversibile dell’entropia.
Ed accanto alle tematiche della sintropia e del tempo, è divenuto centrale per il progresso artistico di Piero
Lombardi il tema della via e del cammino, come metafora della vita che ciascuno di noi attraversa procedendo
dal passato al futuro.
Alcune delle citazioni presenti nel Blog del sito www.pierolombardi.com ben descrivono pensieri ed emozioni
che hanno guidato questa semplice avventura nell’arte.