Pittrice

Francesca Guetta

Francesca Guetta

Pittrice

L’arte è passione
Oscar Wilde


Sito web

Email

Social


Biografia

Francesca Guetta è nata a Firenze, dove tuttora vive e lavora. Ha partecipato a numerose rassegne artistiche e concorsi sia in Italia che all’estero ricevendo diversi premi e riconoscimenti. Tra le recenti mostre personali si segnalano nel 2015: “Un chicco, un profumo per il mondo… aspettando l’Expo”, Istituto Agronomico per l’Oltremare – Ministero Italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Dipartimento per la Cooperazione allo Sviluppo – Firenze; “Un caffè con Michelangelo ed i Futuristi “, Società delle Belle Arti, Circolo degli Artisti, Casa di Dante – Firenze; nel 2016/2017: “ Un regalo ad Arte “, Tornatora Art Gallery – Roma; nel 2017: esposizione in modalità mini personale all’interno della Mostra d’Arte Contemporanea “Artisti in San Lorenzo”, cripta della Basilica di San Lorenzo, Salone Donatello, Firenze; nel 2018: “Dialoghi in divenire “, Simultanea Spazi d’Arte, Firenze; “Frammenti di storie e colori “, Complesso Monumentale del Polo Museale dell’Ex Monastero dei Benedettini , Sala Pietro Novelli, Monreale (Pa); nel 2019: “Tra Surrealismo ed Astrattismo – Tre percorsi paralleli“, Società delle Belle Arti, Circolo degli Artisti , Casa di Dante, Firenze; esposizione in modalità mini personale all’interno della Mostra “Terra Madre“, Società delle Belle Arti, Circolo degli Artisti, Casa di Dante, Firenze.

Le sue opere sono pubblicate in più di cento cataloghi editi in occasione degli eventi espositivi a cui ha partecipato. E’ inserita nella raccolta stampe e disegni della collezione Vittorio Sgarbi. I suoi dipinti si trovano in collezioni pubbliche e private

Hanno scritto e/o parlato del suo lavoro: Giovanna Laura Adreani, Nella Guelfi, Barbara Angiolini, Faustina Tori, Paolo Levi, Roberto Lasciarrea, Alfonso Confalone, Carmelina Rotundo, Sossio Settembre, Manrico Testi, Salvatore Russo, Daniele Radini Tedeschi, Dino Marasà, Fabio Bianchi, Mariarosaria Belgiovine, Daniela Pronestì, Pompea Vergaro, Lidia Silanos, Roberta Filippi, Letizia Lanzarotti, Lucia Benvenuti, Elisa Siliatici, Francesco Chetta, Rosario Pinto, Carla Grassano, Ciro Manzolillo, Silvia Arfelli, Giampaolo Trotta, Claudia di Cera, Maria Grazia Londrino, Marilena Spataro, Alessandra Macchitella, Anthea Notarangelo, Arianna Fantuzzi, Gianni Dunil, Francesco Urso, Sandro Serradifalco, Riccardo Carapelli e Silvia Ranzi.

Critica

Gesto, segno e colore sono tutti elementi che concorrono nella pittura di Francesca Guetta alla necessità di comunicare nella massima libertà la sua intensa partecipazione alle modulazioni della Natura, al progredire della civiltà dell’uomo, alle speranze di un futuro. C’è un ritmo in queste sue opere. Il segno incide gli spazi, la luce è ricavata dal bianco in una composizione che è anche armonia, ordine ed invenzione, pur trattando un tema di disordine mondiale. Una ricerca per un linguaggio rapido ed efficace con una pittura che tende alla semplificazione, alla essenzialità perché il tempo è finito. Francesca Guetta dipinge frammenti alla deriva, legami spezzati e paesaggi devastati. La sua pittura evoca non inveisce. Colori imbrigliati e bianchi sporchi in una intonazione nella quale si misurano i frammenti in un rincorrersi, in un alternarsi di spazi e quel poco di azzurro è destinato non alle rondini del cielo ma ai migranti del mare. Particolari presentati con una accortezza attenta e reale, accompagnata da scritture casuali di parole comprensibili che affondano come ferite, come tagli profondi, nella corteccia degli alberi, nella tela del mondo.

Giorgio Falossi